Il Quarto Giorno

La sera precedente Davide aveva organizzato un catering in una villa e ci aveva invitato per la cena.
Non ci siamo fatti problemi e siamo andati a questa villa, dove i proprietari festeggiavano venticinque anni di matrimonio, vestiti con quello che costituiva il nostro “abito da sera” … maglietta, calzoncini e ciabatte da mare. E’ inutile dire che non siamo passati inosservati, ma è stato molto divertente!
Abbiamo mangiato benissimo e a mezzanotte siamo andati via nel dispiacere generale. La signora si è congedata da noi con queste testuali parole : “buonanotte e, se siete stati bene, tornate!”, come se la sua casa fosse stata un ristorante!
Il mattino seguente quindi, sapendo che Davide aveva lavorato, avevamo preso accordi per un orario comodo facendo scegliere lui su quando e come vederci. Verso le nove abbiamo fatto un’ottima colazione e, alle dieci, eravamo dai nostri cavalli mentre Davide cercava di prendere la sua cavalla dai boschi sovrastanti l’agriturismo. Siamo partiti alle 11:00 e ci siamo incontrati a metà strada tra il maneggio ed il posto dove avevamo lasciato i cavalli. Una volta insieme abbiamo puntato verso Fossanova rimettendoci quasi subito sulla via Francigena del Sud.
Da Priverno fino a Fossanova il sentiero è veramente comodo. Prosegue dritto come una spada e, per buona parte della sua estensione, segue il corso del fiume Amaseno; il fondo è piacevole e probabilmente in una stagione diversa (primavera) anche adatto a lunghe galoppate, l’unico inconveniente è che non ci sono alberi e non si trova un’ombra neanche a pagarla oro. Anche su questo percorso, inoltre, mancano i fontanili, ma il problema era solo per noi perchè, con il fiume accanto, i cavalli avevano una miriade di posti dove dissetarsi. Prima di arrivare siamo passati anche in una piccola oasi alberata dove c’è una cascata  molto bella e rinfrescante. Abbiamo fatto qualche foto e dopo due ore e mezza siamo arrivati a Fossanova.
Tutto il borgo medievale intorno all’Abbazia e l’Abbazia stessa sono bellissimi e veramente ben tenuti. Siamo rimasti nei dintorni fino alle 14:30, rinfrescandoci un po’ vicino alla fontanella che si trova di fronte all’Abbazia e mangiando un panino che la moglie di Davide nel frattempo ci aveva fatto preparare e ci aveva recapitato lei stessa.
Al ritorno abbiamo fatto più o meno lo stesso percorso e siamo arrivati ai box alle 17:00 in punto. Abbiamo dissellato Macchia e Shirus ringraziandoli per l’esperienza che ci avevano consentito di fare e li abbiamo governati mentre aspettavamo che Davide ci venisse a riprendere con la macchina.
L’attesa è stata più lunga del previsto perchè Davide non aveva resistito e si era fatto un tuffo in piscina … quando l’abbiamo saputo io ed Antonio abbiamo sorriso pensando a quello che avremo fatto l’indomani.

 

 

 Movimento Lento - facebook 

 Movimento Lento - Instagram 

You tube - Movimento Lento 

 

 

Privacy Policy

© Associazione Movimento Lento
C.F. 97601240159
Powered by itinerAria