Lunedì 20 dicembre

E' gia' una settimana che sono qua. Avevo paura, Grañon e' un luogo importantissimo pr i pellegrini "duri e puri" e, alla prima espperienza come hospitalero temevo di non essere all'altezza della leggenda. Ma mi stanno aiutando tantissimo. Marina la responsabile di zona e' onnipresente e onmifacente, Belen, l'hospitalera di Santo Domingo e' stata qui un giorno si e uno no, Padre Jesus quando gli ho chiesto se sapeva l'inglese mi ha risposto " io ho affrontato l'Amazzonia, tu puoi affrontare la Corea" Finito il diario in comune vado. Dove? Ad affrontare una montagna di legna che bisogna "solamente" spaccare con l'ascia perche' entri nel camino.

Finito di spaccar la legna arriva un pellegrino, Michel e poi un altro ragazzo spagnolo, Angel. Ho due ospiti un po' particolari: Michel e' un Romero ( ma di questo vi parlo dopo ) e Angel sta facendo il Cammino per ringraziare che ce l'ha fatta e ha completato il periodo in comunita'. Arrivano gelati e bagnati. Decido di fargli una signora cena: Tortellini in brodo, pure', insalata e carne di ternera alla griglia. Stiamo bene, ascolto storie drammatiche ma sono lievi, Angel e' felice come una Pasqua e non smette di ringraziarmi per come l'ho accolto. Non sa quanto senso ha lui per me o non ci puo' credere.
Andiamo a dormire e a pensare.

LA ROMERIA
gli spagnoli dicono che il Cammino "aggancia" Dopo che lo fai una volta ti viene come un mal d'Africa e ti senti in perenne stand-by per la prossima volta che lo potrai fare. A me e' capitato proprio questo. Pero' a qualcuno aggancia troppo e non escono piu' dal Cammino. Viaggiano perennemente su e giu', racimolano qualcosa facendo lavoretti o chiedono l'elemosina ai parroci, ricevono anche dagli altri pellegrini cambi di vestiario, di attrezzatura o di denaro. Hanno la tenda nello zaino perche' d'estate dormono fuori e spesso anche d'inverno. Alcuni hospitaleri non li accolgono considerandoli ormai barboni, altri si prodigano per loro curandoli. Considerandoli pellegrini eterni...

Io sono testimone dell'infinita cortesia di Michel ma anche della sua infinita tristezza.

 

 

 

 Movimento Lento - facebook 

 Movimento Lento - Instagram 

You tube - Movimento Lento 

 

 

Privacy Policy

© Associazione Movimento Lento
C.F. 97601240159
Powered by itinerAria