Mercoledì 29 dicembre

La solitudine dell'Hospitaliero. d'inverno lo sai, non hai le frotte dell'estate, ma proprio nessuno ti da un senso di inutilita', proprio a te che vorresti essere li solo per quello, essere utile. Siccome ho un nonno falegname, un padre falegname, etc... trovo il modo di essere utile. prendo un passaggio al volo da uno del pueblo e vado a Santo Domingo. Destinazione ferramenta. •3 kg. di cera d'api per favore. Gracias." alle otto porzione abbondante di zuppa e poi via: INCERIAMO TUTTO!
Per un hospitale come Grañon che non di legno ha solo le tazze del cesso e le bifore del 1200 e' una stronzata enorme. Alle due vado a dormire distrutto e non sono neanche a meta' Mi sveglio presto ma il parque' copre tutta la superfice dell'hospitale, poi c'e' il soppalco che e' la meta' poi le scale, poi i mobili, poi il pianoforte, le sedie, i tavoli... Un impresa ciclopica. A cena Padre jesus e Marina sono costretti a percorrere precisi sentieri che portano alla loro posizione. un altro sentiero porta al camino. L'ultimo uscita e bagni.

 

 

 

 Movimento Lento - facebook 

 Movimento Lento - Instagram 

You tube - Movimento Lento 

 

 

Privacy Policy

© Associazione Movimento Lento
C.F. 97601240159
Powered by itinerAria