Enrico Gremmo, il movimento lento nel sangue

Enrico Gremmo, 34 anni, di Biella, il “movimento lento” si può dire che ce l’ha nel sangue da sempre, fin da piccolo, grazie all’Amore innato per la Natura, per la vita all’aria aperta, filo conduttore dall’infanzia-adolescenza (escursioni in montagna e nei boschi) alle esperienze di lavoro (giardiniere, viticoltore …) dalle quali egli ancòra oggi trae le risorse per finanziare il suo viaggio in corso come per i precedenti.

Non è stato allora difficile per Enrico scoprire il privilegio di “vivere la strada e cosa sta intorno ad essa” nel pedalare in bicicletta.

Il battesimo del fuoco su due ruote nel 2003, lungo il Cammino di Santiago di Compostela. L’appetito vien mangiando: quattro anni più tardi, nel 2007, la sua “Asinero” lo accompagna per otto mesi lungo le strade del Vecchio Continente, con il giro di boa di Nordkapp, il punto più a Nord dell’Europa.

Ma il richiamo del Mondo si fa sempre più forte.  Sulla strada del rientro, in Coimbra (Portogallo), il 14 Luglio 2008 Enrico scrive alla madre: “… ora la mia fantasia è già andata in tutti gli altri continenti e io penso di aver capito cosa mi piace fare e anche tu: dovrò raggiungerla ovunque…”. Scritto, fatto. Sabato 17 Aprile 2010 Enrico prende per una mano la sua “Steppenwolf” (la nuova bicicletta-ndr) dall’altra il coraggio, e parte da solo alla volta del Giappone, destinazione Kiryu (località gemellata con Biella). Un percorso illuminante ed inversamente proporzionale: più pedalava in modo pacato e più il suo pensiero correva oltre: “non aver paura di andare verso il diverso” diviene il suo karma laico.

Il Paese del Sol Levante allora come alba di un’esperienza di vita su due ruote: EurAsia, Oceania ed  Americhe in corso. Da ambasciatore “alternativo” della Città di Biella in Shangai CHI, in Melbourne AUS (Associazione Piemontesi nel Mondo) ed in Arequipa PERU’ (località gemellata con Biella), ad amatissimo volontario presso la missione Operazione Mato Grosso in Rapayan PERU’.  Un’avventura lunga quasi un lustro. Lontano da casa. La casa. Che è anche quella della associazione “Enrico Into The World – Onlus”, ideale cordone ombelicale con il ciclo-viandante nata per soddisfare il suo desiderio di aiutare l’Uomo, l’Animale, la Pianta in difficoltà lungo il suo attraversare storie e culture differenti al ritmo lento e dolce della pedalata.

Carissime lettrici e lettori di questa Newsletter, grazie alla generosa ospitalità riservataci dalla redazione dell’ingegnere Alberto Conte, e consapevoli che soltanto Enrico al suo rientro potrà testimoniare in modo compiuto la sua impresa( www.bikingtour.it ), noi cercheremo di abbozzarne sul sito de “il Movimento Lento” alcuni aspetti (tratti mappati del suo percorso, aneddoti …). A presto.

 

Lo staff di Eitw Onlus

 

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=/it/resource/blog/Webmaster/enrico-gremmo-il-movimento-lento-nel-sangue/&src=sdkpreparse

 

 

 Movimento Lento - facebook 

 Movimento Lento - Instagram 

You tube - Movimento Lento 

 

 

Privacy Policy

© Associazione Movimento Lento
C.F. 97601240159
Powered by itinerAria