Il mondo in space-lapse

Ci sono molti motivi per cui iniziare un viaggio.

Daniele ed Elena hanno deciso di fare della documentazione di contraddizioni e conflitti il loro. Senza dare troppa importanza alla destinazione, concentrandosi sul viaggio in sé.

Sono partiti da Bologna, le ruote delle loro biciclette rivolte verso oriente. Per realizzare una serie di reportage riguardanti i territori euroasiatici e, soprattutto, le culture che li abitano.

Un ritmo lento, gitano. A stretto contatto con la strada.

Raccogliendo i sussurri dell’ambiente, i racconti sul costo della sua tutela. Immagini e suoni della cultura nomade e dei conflitti territoriali. I colori della vita di popoli minoritari. Il tutto in collaborazione con associazioni locali, che permettono di arricchire le loro cronache con interviste ed analisi delle problematiche incontrate (http://itcycloscope.weebly.com/).

In concomitanza, hanno dotato le loro biciclette di un sistema di campionamento automatico della strada a distanza fissa, che hanno chiamato “space lapse”. Ogni 500 metri una fotografia. Le immagini scattate andranno a comporre una mappa interattiva dell'intero percorso che compriranno.

Il tutto mantenuto attivo attraverso un circuito che alimenta la batteria della GoPro semplicemente pedalando. Una moderna dinamo al servizio della tecnologia.

Due ragazzi travolgenti ed entusiasti. E la loro nuova mappatura del mondo.

 

Martina Fabbri

laviadifuga.org

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=/it/resource/blog/Staff/il-mondo-space-lapse/&src=sdkpreparse

 

 

 Movimento Lento - facebook 

 Movimento Lento - Instagram 

You tube - Movimento Lento 

 

 

Privacy Policy

© Associazione Movimento Lento
C.F. 97601240159
Powered by itinerAria