Elogio di una corolla, di R. Ferraris

La tengo d’occhio da due settimane. E la davo per spacciata la scorsa settimana, quando 80 centimetri di neve hanno sommerso la Langa.

Come fa una primula, che ha già messo i primi timidi fiori, a sopravvivere a 80 centimetri di gelo?

Ci ho pensato mentre salivo con gli sci su quei due chilometri di strada innevata che mi separano dalla civiltà. Ogni volta che esco, sono due chilometri, ogni volta diversi: neve fresca, farina dove gli sci affondano; ghiaccio che brilla alla luce della luna, mentre scendo con 20 chili nello zaino. Neve che fonde e acqua che scorre e impronte di cinghiali e tassi usciti dalle tane a prendere il sole.

E oggi era là, la primula, e la neve manco l’ha stropicciata. Uscita indenne dalla bufera, sfoggiava una corona di nuovi fiori. Forza nella fragilità estrema di quelle corolle. Voglia di vivere.

È di nuovo primavera. Si ricomincia.

https://www.facebook.com/sharer/sharer.php?u=/it/resource/blog/RobertaFerraris/elogio-di-una-corolla-di-r-ferraris/&src=sdkpreparse

 

 

 Movimento Lento - facebook 

 Movimento Lento - Instagram 

You tube - Movimento Lento 

 

 

Privacy Policy

© Associazione Movimento Lento
C.F. 97601240159
Powered by itinerAria